Partnership






YOGA IN SPIAGGIA

Questa è la parte yogina che è in me! 

Queste foto risalgono a qualche giorno fa... nostalgia delle vacanza appena finite? O la malinconia di settembre? Un mix di entrambe ma in realtà sono molto felice di aver ripreso il mio lavoro con delle belle novità in arrivo... 


Ecco qui una breve descrizione di alcune asana fatte durante la mia pratica in spiaggia.

Pic by my mum:)


IL PONTE 


Come fare la posizione del ponte yoga: chakrasana.

E' molto più che fare il corpo a forma di ruota!

Il ponte è una di quelle posizioni yoga che spesso finiscono nella lista delle asana impossibili, nonostante i suoi benefici siano tra i più alti nella pratica della disciplina.

In sanscrito chakra significa "ruota", perciò la parola Chakrasana viene tradotta come la "posizione della ruota".

La posizione del ponte coinvolge fortemente le gambe, le braccia, il bacino e le spalle, ma il suo maggiore impatto è sulla spina dorsale e sugli organi del torso.


Come si fa?

- Distenditi sulla schiena e rilassa i muscoli. Piega le ginocchia e appoggia le piante dei piedi a terra. Avvicina i piedi ai glutei il più possibile e afferrati le caviglie con le mani.

- Piega i gomiti e appoggia i palmi delle mani sul pavimento di fianco alla testa con gli avambracci relativamente perpendicolari rispetto al suolo e le dita delle mani rivolte verso le spalle. Premendo i piedi al suolo, spingi il bacino verso l'alto e solleva i glutei da terra. 

- Con un'espirazione solleva la testa da terra e lentamente solleva il corpo allungando le braccia,. cerca di raddrizzare e allungare le braccia e le gambe il più possibile, senza piegare i gomiti.

- Questa è la posizione finale. respira normalmente e mantieni la posa fino a quando riesci a mantenere un equilibrio tra lo sforzo e il rilassamento. 

- Esci dalla posizione lentamente con consapevolezza, abbassando prima la testa fino a farle toccare il pavimento e poi il resto del corpo. Rilassa tutti i muscoli.



LA CANDELA


Cattiva circolazione? Combattila cona la posizione della candela.

Sarvangasana è chiamata la "regina" di tutte le asana, in quanto porta una vasta gamma di benefici a livello fisico, psicologico, mentale e spirituale. Il nome sanscrito vuol dire letteralmente "posizione di tutti glia arti" in quanto quest'asana produce molti benefici sulla ghiandola tiroidea, migliorando di conseguenza il metabolismo e il funzionamento di tutto il corpo.


Sdraiati sul tappetino a pancia in su con le gambe distese e le braccia lungo il corpo, schiena e collo devono essere allineati. Inspirando, slanciati dolcemente verso l'alto, sollevando il bacino e le gambe verso il soffitto e sostieni la zona lombare con le mani. Mantieni le gambe dritte: idealmente le gambe sono allineate verticalmente con il busto; le spalle, la base del collo e la parte posteriore della testa sostengono il corpo, mentre le braccia danno stabilità alla posizione; il mento tende verso lo sterno. Respira normalmente e cerca di mantenere la posizione almeno per 10 secondi. Per scendere, mantieni un forte controllo addominale e srotola lentamente la colonna vertebrale fino a portarti nuovamente supino; riposa in questa posizione per qualche istante.

Ps. questa posizione è sconsigliata durante i giorni del ciclo.



LA VERTICALE 




Sirsasana deriva dal sanscrito Sirsa (testa) e Asana (posizione).

E' una delle posizioni più conosciute nello yoga per la sua bellezza. Insieme alla posizione della candela viene considerata la regina delle asana in quanto sono le posizioni che apportano maggiori benefici a livello fisico e psichico. Nello specifico, posizionandoti sulle testa hai un aumento del flusso sanguigno verso il cervello e un aumento della vitalità che fornisce chiarezza mentale e miglioramento della concentrazione.




E' arrivato il momento di assumere Sirsanana in modo completo! 

Trasferisci l'intero peso del corpo sugli avambracci e non sulla testa, la nuca deve solo sfiorare la terra. Stendi la gamba destra e poi la sinistra con estrema concentrazione e calma, possibilmente fissando un punto fisso davanti a te. La zona lombare deve essere in posizione neutra, l'addome è forte e mantiene in equilibrio tutto il corpo. Allontana le spalle dalle orecchie e immagina di spingere il pavimento con gli avambracci.




Commenti