Partnership






Avocado: il frutto grasso che fa bene

Avocado: il frutto grasso che fa bene e come coltivarlo in casa


A differenza dei frutti freschi che siamo abituati a mangiare, non è una fonte di carboidrati, bensì di grassi. In particolare, contiene acido oleico, presente anche nell’olio di oliva, noto per la sua azione benefica sul cuore, cervello ed arterie



Avocado: il frutto grasso che fa bene e come coltivarlo in casa

Le proprietà benefiche dell’avocado

Per molti è sinonimo di guacamole, la salsa di origine messicana che si prepara appunto con l’avocado. Dalla forma simile a una pera, questo frutto ha origini molto antiche: è conosciuto sin dai tempi degli Aztechi (il nome avocado infatti deriva dall’azteco). Dal punto di vista nutrizionale 100 grammi di avocado contengono circa 160 calorie e la presenza di fibre, grassi buoni (di tipo monoinsaturi), vitamine B, vitamina K (per la coagulazione del sangue), potassio (il minerale essenziale coinvolto nel controllo della pressione sanguigna e nella salute cardiaca), vitamina C (fondamentale per le funzioni immunitarie, favorisce l’assorbimento del ferro) e vitamina E (con azione antiossidante) lo rendono un frutto dalle eccezionali proprietà nutritive.  L’avocado contiene elevate quantità di acido folico (folati), fondamentali per la crescita dei tessuti e assolutamente indispensabili durante la gravidanza per permettere il corretto sviluppo del nascituro.

Avocado: il frutto grasso che fa bene e come coltivarlo in casa
Contrariamente a quanto si pensa, l’avocado non fa ingrassare, anzi, è sufficiente aggiungere metà avocado ai nostri pasti per aumentare il senso di sazietà e di conseguenza regolare il proprio peso corporeo. Inoltre, il suo regolare consumo favorisce la riduzione non solo del girovita, ma anche del colesterolo cattivo e dei trigliceridi, aumentando così il colesterolo buono (HDL) e mantenendo in salute il cuore.


Avocado: il frutto grasso che fa bene e come coltivarlo in casa

Come scegliere l’avocado e come consumarlo

Per poter gustare al meglio l’avocado è importante mangiarlo al suo giusto punto di maturazione, quindi verificare l’aspetto esteriore e sentirne la consistenza al tatto. Deve avere un colore uniforme e non essere troppo sodo al tatto, per evitare che sia ancora acerbo. Lo si può gustare in tanti modi: il più semplice consiste nel tagliarlo a metà, farlo a fettine e condirlo con olio, sale, pepe e limone. Può essere utilizzato in molte insalate e ottimo da abbinare all'uovo per il golosissimo avocado toast.



Potrebbe interessarti: http://www.lecceprima.it/blog/gloria-al-cibo/lecce-avocado-coltivazione-casalinga-11-giugno-2020.html









Potrebbe interessarti: http://www.lecceprima.it/blog/gloria-al-cibo/lecce-avocado-coltivazione-casalinga-11-giugno-2020.html

Commenti